Sfogliato da
Tag: trinidad

Twenty20

Twenty20

Concludevo qualche tempo fa il post sulle West Indies con una nota sportiva. Devo aver portato bene, visto che ieri le West Indies si sono aggiudicate il titolo mondiale nel cricket Twenty20. Twenty20 è una delle diverse forme di cricket, quella sviluppata di recente per venire incontro alle esigenze del pubblico meno coinvolto ed esperto e della diffusione televisiva. Nel T20 ognuna delle due squadre gioca un solo innings per un massimo di 20 over (ogni over sono 6 palle)….

Leggi tutto Leggi tutto

West Indies

West Indies

Ricordate quel genovese che partì con tre caravelle? Cosa stava cercando? Gli inglesi, con il loro humour e la simpatia che sanno sfoderare ogni volta che possono prendere in giro gli spagnoli, questa cosa l’hanno presa talmente sul serio che per loro “West Indies” (al plurale: le Indie Occidentali) è rimasto ancora oggi il nome collettivo delle prime terre su cui Colombo mise piede cinque secoli fa, nel mar dei Caraibi, giusto davanti alle coste orientali del continente americano. E…

Leggi tutto Leggi tutto

Cose che amo di T&T – Gli elementi

Cose che amo di T&T – Gli elementi

Oggi l’amica Sherry torna a Trinidad. L’anno scorso c’eravamo anche noi. Così, per fare un po’ di pubblicità e per condividere qualche bel ricordo, ecco qua un elenco, che nonostante il titolo, riferisco solo all’isola di Trinidad, che conosco meglio. Gli elementi Il fuoco è principalmente il sole, che a Trinidad non è particolarmente amichevole. Ma in spiaggia gli si perdona tutto, anche l’eccessiva irruenza, anche la incredibile velocità con cui sorge e tramonta, instancabile e puntuale tutto l’anno. Fuoco…

Leggi tutto Leggi tutto

Capodanno (3/4)

Capodanno (3/4)

(segue da Capodanno (2)) Shawaine arrivò dal bar, evidentemente in cerca di qualcosa o di qualcuno. “Dov’è David?”, gridò. “Dove diavolo è finito David? C’è da affettare il prosciutto, e tutti dicono che è il mestiere di David!” “Eccomi, Sha!”, rispose gridando David, con improvvisa finta agitazione, “finalmente, non vedevo l’ora di affettare il prosciutto, anzi un intero maiale, se serve!” Un grosso prosciutto al forno era stato appoggiato a un’estremità del tavolo, all’altro capo del quale stava una teglia di…

Leggi tutto Leggi tutto

Capodanno (2/4)

Capodanno (2/4)

(segue da Capodanno (1)) In effetti, David era fuori nel garage con Lee. Quest’ultimo, un ragazzone di circa trentacinque anni, era più o meno della stessa struttura fisica di David, ma di carnagione più scura e fattezze africane più marcate. Il suo viso era pieno e più pallido del solito, ma chi lo conosceva da tanto tempo come David poteva vedere che un tocco di colore gli animava i lobi delle orecchie e l’ampio naso. Le palpebre pesanti e i…

Leggi tutto Leggi tutto