Sfogliato da
Tag: parlamento

Un dubbio

Un dubbio

Mi era parso che l’idea di democrazia diretta fosse essenziale, racchiusa come un nocciolo all’interno della proposta politica del M5S. Faccio un po’ fatica a capire dove sia finita. Mi pare, invece, che si parli più spesso, ormai, di commenti censurati, di senatori traditori, di violazioni imposte della segretezza del voto… tutto per assecondare invece un’idea, quella del Fondatore, o del Guru, non capisco e non vorrei togliere a uno o all’altro le sue prerogative, che non ammette, evidentemente, confronto….

Leggi tutto Leggi tutto

Di che vergognarsi

Di che vergognarsi

Ho visto un’immagine, di quelle che si diffondono su Facebook. L’immagine era divisa in due, da una parte c’era una porcilaia, dall’altra il Parlamento della Repubblica Italiana. C’è di che vergognarsi. Prima di tutto, a condividere un’immagine del genere. Il Parlamento è il luogo della democrazia nel nostro Paese. C’è gente che è morta perché l’Italia avesse un Parlamento rappresentativo del popolo sovrano. C’è gente che è morta perché il nostro Paese fosse libero e autonomo. Allora tu che hai…

Leggi tutto Leggi tutto

Quattordici qualunquisti

Quattordici qualunquisti

Niente di grave, non sto dando i numeri. Riporto semplicemente il calcolo che Sergio Rizzo propone sul Corriere: il numero di leggi di iniziativa parlamentare approvate quest’anno. La rubrica, "I costi della politica" e i contenuti dell’articolo fanno il paio nel suscitare indignazione nel lettore che rifletta su quanto la macchina della rappresentanza politica viene finanziata a fronte di un’efficienza così bassa. Una cinquantina i provvedimenti, incluse le conversioni di decreti governativi e le ratifiche, quattordici quelli originatisi all’interno di…

Leggi tutto Leggi tutto