Sfogliato da
Tag: ministro

A non avere priorità

A non avere priorità

Sono consapevole che la scuola, al pari della sanità e delle pensioni, sia uno dei settori di spesa più rilevanti per lo Stato. Sono consapevole anche del fatto che quando occorre far cassa rapidamente è da lì che conviene partire. Però sono almeno dieci anni che la scuola statale viene colpita da tagli senza nessun reale progetto. Anzi, addirittura da demenziali progetti che giustificano a posteriori i tagli operati. I contratti degli insegnanti sono scaduti da diversi anni e non…

Leggi tutto Leggi tutto

Ingiusto, odioso e stupido

Ingiusto, odioso e stupido

Mi chiede un’amica: ma se io lavoro 36 ore alla settimana, gli insegnanti non possono lavorarne 24? Certo che possono. Lo fanno, normalmente, a meno che non abbiano spezzoni, part-time o riduzioni d’orario, con conseguente riduzione dello stipendio. Perché il docente lavora spesso a casa; c’è a chi piace e a chi non piace (per esempio, io ci starei anche 8 ore al giorno a scuola, se avessi un ufficio mio in cui lavorare, come già ho avuto modo di…

Leggi tutto Leggi tutto

Profumo di Natale

Profumo di Natale

Caro ministro Profumo, mi permetto di scriverle così da questo blog seminascosto perché finalmente, da tecnico, forse può capire quanto segue senza domandarsi compulsivamente se ciò che scrivo lo scrivo da sostenitore o da oppositore e quale tipo di risposta le porterà più voti alle prossime elezioni. Dice che vuole introdurre i tablet nella scuola: non so cosa siano ma so quanto costano e so che gli studenti italiani sono tanti. Evidentemente lei è babbo Natale. Io sono un insegnante…

Leggi tutto Leggi tutto