Sfogliato da
Tag: esperienza

Di rimorsi, rimpianti e altre sciocchezze

Di rimorsi, rimpianti e altre sciocchezze

E’ un dogma della cultura giovanilista odierna: meglio un rimorso che un rimpianto. C’est à dire, cogli ogni occasione, non ti tirare indietro. Traduzione à la “capitano mio capitano” del bistrattato oraziano carpe diem. Ecco, sommessamente, ma nemmeno poi tanto, ché l’esperienza personale è l’unica cosa che mi vale la pena gridare: sciocchezze. Ci sono cose che valgono, altre no. Quali? dipende. Ma per alcune non avrò mai rimorso, anche se l’esito non è stato favorevole, per altre non avrò mai rimpianto, pur…

Leggi tutto Leggi tutto

Cronaca di un regalo di compleanno

Cronaca di un regalo di compleanno

“Non regalargli un giocattolo; regalagli un’esperienza”. Quando è stata mia moglie a dirmi così, in occasione del quinto compleanno del nostro maggiore, ho capito che non era per la stanchezza nel dover mettere a posto le valanghe di oggetti che affollano la nostra casa. Era il miglior consiglio. E così siamo partiti. Direzione Lagoni. Con zaini, sacchi a pelo, cibo, libri (la sua borsina l’ha preparata lui, con i guanti-ranocchio, il fischietto, e non so che altro). Per chi non…

Leggi tutto Leggi tutto

Basito

Basito

I salotti televisivi dei politici mi stancano, e non riesco più a seguirli per più di dieci minuti, nemmeno se chi li conduce ha una sensibilità che sento vicina, come nel caso di Floris o, in misura minore, Lerner. Trovo più semplice guardare i vari spezzoni che il giorno dopo vengono fatti circolare sulla rete. E così ieri mi sono imbattuto in questo. E’ l’onorevole Paolo Bernini (e non me ne frega niente se non gli piace essere chiamato onorevole:…

Leggi tutto Leggi tutto

Dognierbismo

Dognierbismo

Come già scrivevo in qualche commento, trovo preoccupante il dognierbismo (non so, spero tanto sia un neologismo perché è orrendo, ma “dognierbaunfascismo” mi sembrava francamente esagerato) che sento intorno a me. “Tanto sono tutti *”, e al posto dell’asterisco si metta l’aggettivo che denota nel modo peggiore i peggiori della categoria di cui si parla. E’ facile. Discriminare è molto più difficile. Bisogna informarsi, bisogna trovare dei criteri, bisogna guardare i volti a cui si applicano e avere il coraggio di…

Leggi tutto Leggi tutto