Sfogliato da
Tag: auguri

V.A.P.

V.A.P.

Il periodo natalizio, per chi ha figli alla primaria o alla materna, si contraddistingue dall’apparire in casa dei lavoretti costruiti a scuola e di cui, normalmente, i bambini sono abbastanza orgogliosi. Non è una novità. Ricordo che per me alla scuola elementare il periodo natalizio era periodo di odore di vernice spray, vinavil, spago, e conseguenti finestre aperte (e freddo in aula come fuori). Non ricordo che cosa produssi, alle elementari (assolutamente non so nemmeno SE produssi, alla materna). Qualche cosa…

Leggi tutto Leggi tutto

Auguri

Auguri

Niente di particolarmente originale. Solo l’augurio che i giorni che vengono portino per tutti voi la novità di un’esistenza che torna a rifiorire, di una vita che si rinnova, che torna, benvenuta, a vivere. Che sia questa l’originalità dei giorni che vengono. Buon triduo santo, buona Pasqua a tutti.

… e poi gli altri auguri

… e poi gli altri auguri

… quelli di buon Natale, quelli che ricordano di chi è il giorno natale, quelli che in quel bambino indicano un prodigio che ha ben poco di umano, quelli che non hanno paura a dire “mistero”, perché nessuno sa né saprà mai tutto, quelli che però ridono della tradizione, perché non è tradizione in nessuna parte del mondo far partorire una ragazzina in una stalla, quelli che però ridono della cultura e dell’identità, perché quel bambino era un rimpatriato già…

Leggi tutto Leggi tutto

Un primo augurio… matematico

Un primo augurio… matematico

Da anni ormai sono iscritto alla newsletter di Rudi Mathematici, che ogni mese propone giochi, curiosità, quesiti e amenità varie (compreso un bel calendario) a base di matematica, come si può supporre dal nome. Ecco, nel numero natalizio, ho trovato una riflessione che ritengo interessante e che vi propongo qui, virgolettata per rispettarne la paternità (direi due terzi di paternità e un terzo di maternità, vista la composizione del gruppo editoriale che cura la rivista online). Parlando del visitatore in…

Leggi tutto Leggi tutto

243

243

243 è un numero apparentemente insignificante. E invece è un numero curioso. Se contassimo in base tre, sarebbe un numero “tondo” come lo è per noi decimali il diecimila (anzi, per la precisione, il centomila). Vabbè. 243 anni fa, il 17 dicembre 1770 nasceva a Bonn il signor Ludwig van Beethoven. Auguri!