Letture estive 2014 (1)

Letture estive 2014 (1)

Ho letto, ho letto. Sono stato forse un po’ monotono, ma la storia era lunga e complessa, e andava seguita fino in fondo, o almeno fin dove era possibile farlo…

A clash of kings + A storm of swords + A feast for crows + A dance with dragons, di G.R.R. Martin. Dopo il primo tomo, di cui parlavo nello scorso post, ecco gli altri quattro pezzi finora usciti della serie. E sì, niente da dire, i personaggi mi hanno appassionato; mi sono affezionato, ahimè, ad alcuni di essi, anche se valar morghulis. Le cose per cui potevo dir bene le ho già espresse nel già citato post precedente. L’unica difficoltà che trovo ripensando a questa enorme saga per ora incompiuta, e che via via che le pagine scorrevano veloci ha fatto sorgere un vago disagio, è la quantità impressionante di questioni che rimangono in sospeso. Personaggi scomparsi nel nulla, linee narrative interrotte e mai più riprese, storie del passato che sembrano avere influenza sul presente della narrazione: mi chiedo se e come potrà Martin chiudere in modo soddisfacente (e in tempi brevi, possibilmente) la saga. Confesso che a tratti, proprio per questo motivo, mi è un po’ venuto il sospetto che lo scrittore stia procedendo un po’ a casaccio (come del resto sarebbe anche suo diritto fare, volendolo) e che quindi, ad imitazione della realtà, molti di questi fili sospesi tali rimarranno, e verranno tagliati alla fine. D’altra parte, Benjen e Rickon, come minimo, bisognerà sapere che fine hanno fatto. Insomma, il giudizio complessivo è ovviamente sospeso, anche se devo dire che mi sono decisamente divertito, fin qua. Ecco, il timore, come spesso accade nel caso di saghe, serie  e cose simili, è che ciò che manca non sia all’altezza delle aspettative. Speriamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.