Sfogliato da
Mese: Settembre 2013

H-rezzare la coscienza

H-rezzare la coscienza

Inizio con un piccolo gioiello che viene dritto dalla mia infanzia, dalle letture che ci proponevano a scuola. C’era una volta un’Acca. Era una povera Acca da poco: valeva un’acca, e lo sapeva. Perciò non montava in superbia, restava al suo posto e sopportava con pazienza le beffe delle sue compagne. Esse le dicevano: – E così, saresti anche tu una lettera dell’alfabeto? Con quella faccia? Lo sai o non lo sai che nessuno ti pronuncia? Lo sapeva, lo sapeva. Ma…

Leggi tutto Leggi tutto

La differenza tra Katrina e Nefertari

La differenza tra Katrina e Nefertari

I primi, e per lungo tempo gli unici, fenomeni meteorologici ad essere “battezzati” con un nome di persona sono state le tempeste tropicali nordatlantiche. Nella zona tropicale a nord dell’equatore, durante la cosiddetta “stagione degli uragani”, che va grosso modo da giugno a novembre, si formano sull’oceano (Atlantico, Pacifico, Indiano, la dinamica è la stessa, i nomi diversi) le cosiddette depressioni tropicali. Brutto tempo sul mare, sostanzialmente: nessun nome di persona. Nel momento in cui scrivo ce n’è una in…

Leggi tutto Leggi tutto

Son soddisfazioni

Son soddisfazioni

Fare l’insegnante. Qualche volta, mica sempre, ovvio. Ma quando capitano, lasciano il segno. Un’ex-alunna che sceglie il tuo stesso corso di laurea. Non a tutti succede, e posso assicurare che fa piacere. Una tesi di laurea sull’argomento della tua ricerca di dottorato. Credo sia già più raro. Finire a fare il correlatore dell’ex-alunna, da dottorando. Ecco, sono soddisfazioni. Al di là del voto, comunque più alto delle aspettative. Al di là della gratificazione personale, che c’è, naturalmente. La soddisfazione di…

Leggi tutto Leggi tutto

Clitunno

Clitunno

Le fonti del Clitunno: ricordando una visita di quattro anni e mezzo fa. Eravamo in cinque e mezzo, allora; se ci andassimo oggi saremmo in otto. Beh… Ci si può tornare. ——— Ancor dal monte, che di foschi ondeggia frassini al vento mormoranti e lunge per l’aure odora fresco di silvestri salvie e di timi, scendon nel vespero umido, o Clitumno, a te le greggi: a te l’umbro fanciullo la riluttante pecora ne l’onda immerge, mentre ver’ lui dal seno…

Leggi tutto Leggi tutto

Perché LaTeX

Perché LaTeX

$latex \LaTeX$ è un sistema di scrittura tipografica a computer piuttosto complicato. Si usa generalmente per scrivere testi che siano all’incirca impeccabili dal punto di vista dell’aspetto (sui contenuti, ovviamente, ancora non siamo in grado di affidare giudizi di impeccabilità a una serie di pacchetti software). Richiede che si scriva il testo in un formato semplice, preoccupandosi non della formattazione ma della strutturazione. Cioè, chi se ne frega, almeno all’inizio, del font, del corpo, delle grazie, del colore e altre…

Leggi tutto Leggi tutto