La cosa più difficile

La cosa più difficile

La cosa più facile è tuonare contro.

Contro, giustamente, le ingiustizie.

Contro ciò che ritengo disumano, ciò che probabilmente lo è.

Contro ciò che contraddice la logica, il buonsenso, o almeno il mio buonsenso comune.

 

La cosa più difficile è per me essere con.

Con chi le ingiustizie le subisce, talvolta anche secondo un criterio di giustizia. E con loro, pagare.

Con chi vive il disumano sulla propria pelle.

Con chi non sa che farsene di logica, buonsenso, del mio buonsenso comune.

 

Essere con, senza dimenticare l’essere contro, ma deponendolo anche solo per un attimo, deponendo i giudizi, deponendo tutto quanto non è condivisione vera e profonda. Deponendo le autostrade dei massimi sistemi e vestendo le scarpe di chi cammina a stento lungo percorsi difficili e faticosi.

Questo io trovo difficile, difficilissimo.

E lo dico oggi, perché è oggi che vedo quanto anch’io ho bisogno di qualcuno che cammina con me, che depone tutto per stare con me.

2 pensieri riguardo “La cosa più difficile

  1. Mi prende una grande angoscia solo al pensiero di non poter essere utile a qualcuno…non ci provo neanche ,perché temo che anziché aiutare altre persone con le mie argomentazioni, rischierei di trasmettere le mie paure e insicurezze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.