Chiedere ed offrire

Chiedere ed offrire

Le scuse: o si chiedono o si offrono. Per me fare entrambe le cose allo stesso tempo è impossibile.

Si offrono scuse quando occorre giustificare qualcosa che non va, declinandone la colpa. “E’ vero, sono arrivato in ritardo, ma il semaforo era rotto e c’era una coda che non potevo superare”. Sto offrendo una scusa, a te spetta giustificarmi, dire che non potevo fare altrimenti, scaricare la colpa sugli eventi, sul semaforo, sulla coda. Non sono io a dover rispondere.

Si chiedono quando occorre giustificare qualcosa che non va, assumendone la colpa. “Chiedo scusa, è colpa mia”. Punto e basta. Magari potrei anche accampare giustificazioni, ma non lo faccio. Per quanto mi riguarda, di questa situazione rispondo io.

Cioè, la differenza sta nel risponderne, nella responsabilità.

“Chiedo scusa, è colpa di qualcun altro” (o di qualcos’altro) è allora il patetico giochino di chi vuole mettere in testa ad altri la gran confusione che ha costui in testa, tra responsabilità e immunità, tra giustificarsi e farsi giudicare, tra chiedere ed offrire.

Sai che novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.