Sfogliato da
Mese: Ottobre 2012

Trasparenza e opacità

Trasparenza e opacità

Ieri sera Renzi a Ballarò proponeva di mettere online tutte le fatture della PA, come già si fa al Comune di Firenze. Stamattina un’invitata in un programma radiofonico di commemorazione della tragedia della scuola di San Giuliano chiedeva che l’anagrafe degli edifici scolastici sia messa online per permettere a tutti i genitori di avere accesso ai dati costruttivi e di sicurezza delle scuole dei propri figli. E sono solo due esempi di pratiche di “trasparenza” già in essere, in corso…

Leggi tutto Leggi tutto

Ritrovare la bussola

Ritrovare la bussola

Ieri pomeriggio primo giro post-legale e doposcuola con i bambini. Andiamo a trovare il nonno, il cui compleanno ricorreva. Poi un salto al Parco Ducale, al tramonto. Il Parco Ducale è un luogo in cui da almeno un anno non tornavano, il che equivale a dire che non c’erano mai stati. Piaciute molto le statue, le foglie cadute (raccolte un sacchetto, tra platano e ippocastano), il laghetto con {i cigni, le papere} (vi sono evidentemente due scuole di pensiero), e…

Leggi tutto Leggi tutto

Elogio del vedremo, ovvero la zoologia dei sogni

Elogio del vedremo, ovvero la zoologia dei sogni

“Vedremo” è una delle mie risposte preferite quando qualcuno mi chiede di progetti futuri. Cosa non vuol dire: non vuol dire che non mi interessa parlarne, non vuol dire che non voglio decidere, non vuol dire che sto alla finestra ad aspettare. Vuol dire invece: che un’idea c’è, ma non è ora di realizzarla, che mancano alcune condizioni, ingredienti, o che alle energie impiegabili al momento è data un’altra priorità; vuol dire che è inutile parlarne ora, per quanto l’argomento…

Leggi tutto Leggi tutto

Tutta colpa dei Babilonesi

Tutta colpa dei Babilonesi

Il mio rapporto con la Storia, intesa come disciplina scolastica e branca del sapere umano, temo sia stato compromesso molto presto. Direi in prima superiore. Tutta colpa dei Babilonesi. In terza elementare, dopo il solito sbrodolio sui cavernicoli, un unico grande sbadiglio, ecco arrivare i Sumeri, poi i Babilonesi, gli Assiri, i Babilonesi reprise. Che bello! La Mesopotamia, queste cartine coi due fiumi, la mezzaluna fertile, le città dai nomi esotici, e i re! Come non farsi affascinare da gente…

Leggi tutto Leggi tutto