Pubblicità progresso

Pubblicità progresso

Già due volte mi sono imbattuto per radio e televisione RAI nel simpatico spot pro lettura a base di “muro”.

Se serve a ricordare che esiste una giornata per la promozione della lettura, bastava molto meno.

Mi chiedo chi possa essere convinto a leggere un libro in più da uno spot di Palazzo Chigi. Specialmente di questi tempi, con i professori inquilini non particolarmente più ascoltati dei professori della specie più comune, quella che abita le scuole.

Non ho idea di quanto possa costare una campagna del genere. E non mi interessa nemmeno.

Le scuole italiane, i luoghi in cui si impara a leggere, avrebbero volentieri gradito ciò che è stato speso per la realizzazione e il passaggio di questo spot, fosse anche stato un pugno di monetine e un po’ di attenzione.

Cari professori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.