Parlare chiaro

Parlare chiaro

Un paio di commenti a un post recente sottolineano la chiarezza di quel che scrivo.

Non posso che ringraziare per la bontà dei lettori.

Stamattina per radio sentivo il card. Ravasi citare san Bernardino da Siena: “Colui che parla chiaro, ha chiaro l’animo suo”.

E allora se da una parte sono felice perché ho l’impressione che le idee che cerco di condividere “arrivino” al destinatario, un po’ questa chiarezza mi spaventa. Aver chiaro l’animo proprio significa un processo di eliminazione delle nebbie che avvolgono spesso la complessità della realtà. Non sono un fanatico del dubbio metodico, ma riconosco al dubbio un valore molto importante nella ricerca della profondità.

Ringrazio allora doppiamente coloro che mi riportano la mia chiarezza, perché mi ricordano, e uso questo post come promemoria, il fatto esperienziale che una piccola area di chiarezza nell’animo mio la pago perdendo di vista ciò che si nascondeva nella foschia che ho spostato ai margini e che ai margini rimane, pronta a occupare nuovamente con il suo indefinito la mia area di chiarezza, quando decido di metterla in discussione.

Buona chiarezza, e buona foschia, a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.