Sfogliato da
Mese: Marzo 2012

Slant

Slant

Non so perché oggi tutti parlano di poesia. Volentieri mi adeguo verso sera, così domani, con l’overdose passata, qualcuno tornerà ad ignorarla con un po’ di gradualità. Questa l’ho sentita recitata (guarda un po’, per radio) e mi è piaciuta. L’ho anche trovata pertinente al tema della “poesia” in sé. Poi l’ho cercata su internet e la mancanza di apostrofi unita all’abbondanza di accenti mi ha infastidito. Per cui ve la passo in lingua originale.   Tell all the Truth…

Leggi tutto Leggi tutto

La festa del papà

La festa del papà

O del babbo. Cominciamo con il puntualizzare. Oggi su BenFatto era di nuovo il prof. Zecchi a parlare, questa volta della sua esperienza di neopadre a sessant’anni. Mi hanno colpito alcune cose di quel che ha detto, e altre che mi sono trovato a pensare intanto che ascoltavo. Il “tempo di qualità”. Una balla, sostanzialmente. Certo, meglio non passare tempo coi propri figli se l’alternativa è riempirli di botte. Ma per il resto, la quantità conta, eccome. Il “tempo di…

Leggi tutto Leggi tutto

Coincidenze e dipartite

Coincidenze e dipartite

Cinquant’anni fa, il 15 marzo 1962, moriva Arthur Holly Compton. Chi fu costui? Un fisico, premio Nobel 1927 per la scoperta dell’effetto che porta il suo nome e che costituì una formidabile conferma alla spiegazione quantistica dell’effetto fotoelettrico da parte di Einstein e all’idea del dualismo onda-particella della luce. La coincidenza di essere incappato nei suoi dati biografici proprio oggi mi aveva spinto a cercare qualcosa da scrivere su di lui. E siccome non ho intenzione di tediare nessuno con…

Leggi tutto Leggi tutto