Sfogliato da
Mese: Ottobre 2011

Gli occhi di un bambino

Gli occhi di un bambino

Scende dall’auto parcheggiata a pettine tra i tigli di un viale di città. Corre con difficoltà su un reticolo di cemento e terriccio per guadagnare il marciapiede. Si ferma, si china, si accoscia sul bordo, incurante dei cani del giardino accanto, delle biciclette che rallentano su una pista ciclabile che non esiste, dei richiami dei genitori impegnati con borse, fratellino e altro. Accarezza un piccolo albero, alto una decina di centimetri, gracile fusto rosso, due rametti più pallidi, qualche foglia….

Leggi tutto Leggi tutto

Il dileggio

Il dileggio

Teneramente, l’onorevole Renato Farina commenta il voto odierno alla Camera, in cui è stato bocciato, per un voto, l’articolo 1 dell’assestamento di bilancio 2010. Dice: la cosa peggiore, "la meno bella di tutte", è stato esporre il Presidente del Consiglio al dileggio dell’opposizione. Strano, Farina è stato e forse è tuttora giornalista. Possibile che non si sia accorto che è da un po’ che "il dileggio dell’opposizione" va avanti, e la figuraccia dei peones di oggi non rappresenta, da quel…

Leggi tutto Leggi tutto

Canale Cavour

Canale Cavour

Ascoltando la radio (Radio1) sabato mattina, mi sono imbattuto in una trasmissione, "La terra: dal campo alla tavola", che tratta di tematiche agricole. In particolare, la puntata dell’8 ottobre (podcast) aveva come argomento principale il piano irriguo nazionale e i possibili tagli. Ospite, tra gli altri, il sottosegretario all’agricoltura Roberto Rosso, che, tra un complimento e l’altro all’azione di governo, dice che sono stati trovati i soldi, nonostante la crisi, per affrontare la manutenzione straordinaria del tratto iniziale del Canale…

Leggi tutto Leggi tutto

Ci sono Jobs e jobs

Ci sono Jobs e jobs

Non mi aspettavo che le quattro operaie morte battessero Steve Jobs nella popolarità di oggi. Non dopo aver visto la disparità di trattamento tra Lady Diana e Madre Teresa, morte negli stessi giorni. Sto ancora aspettando la canzone di Elton John, ma andrebbe bene anche Nino D’Angelo, per la suorina macedone. Io non sono un utente Apple. Lo sono stato diversi anni fa, non per mia scelta, malvolentieri e con scarsa soddisfazione. Oggi francamente non me lo posso permettere, né…

Leggi tutto Leggi tutto

Dati

Dati

Sono diversi anni ormai che i nostri comunicatori pubblici, assumendo ad esempio lo stile USA, hanno preso l’abitudine di suffragare le proprie tesi “dati alla mano”. Molto bene, spesso i numeri facilitano la comprensione, danno un’idea degli ordini di grandezza coinvolti, e in ultima analisi dovrebbero facilitare la verifica che ciò è detto non sia una panzana. In un Paese come il nostro, in realtà, in cui al numero viene associata spesso un’esperienza scolastica fallimentare o comunque sgradita, vedere qualcuno…

Leggi tutto Leggi tutto