Onorificenze

Onorificenze

L’articolo 59 della costituzione prevede che il Presidente della Repubblica possa nominare senatori a vita cinque "cittadini che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario". Qui ovviamente "illustrato" non indica un’operazione grafica o editoriale, ma, etimologicamente, "reso illustre"; il Pianigiani dice, alla voce illustrare: "dar chiarezza, splendore (…) dare onorata fama".

L’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, "istituito con la Legge 3 marzo 1951, n. 178 (G.U. n. 73 del 30 marzo 1951), è il primo fra gli Ordini nazionali ed è destinato a ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari." (dal sito della Presidenza della Repubblica). Benemerenze (sempre il Pianigiani): "meritar bene [di alcuno] (…) l’aver bene operato in servigio di alcuno".

Quindi, ricapitolando: c’è, per chi si adopera nel dare un’onorata fama alla Patria, o nel servirla meritandone la gratitudine, un riconoscimento che la Patria stessa offre.

Non mi è chiaro cosa invece preveda l’ordinamento della Repubblica per chi rende la Patria lo zimbello delle nazioni vicine, dall’opinione pubblica ai loro governanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.